Criptomonete

Investire criptomonete con USI-TECH

Print Friendly, PDF & Email

USI-TECH non è considerata una Hyips, risulta non censita sui monitor Hyip e una ragione c’e’ ed è semplice.
Usi-Tech utilizza un apposito software per eseguire attività di trading inoltrando eventuali utili ai finanziatori. Pur essendo la missione di moltissime Hyip, tutti i segnali lanciati da Usi-Tech effettivamente vanno nella direzione di stabilità e sicurezza.

La sua particolarità infatti è legata alla quantità di btc girati al giorno, si basano sulle attività di trading eseguite dal software, questo è il motivo per cui il loro ritorno è di circa l’1% al giorno per circa 140 giorni. In pratica essendo una vera e propria attività di trading inoltrano i fondi solo dal Lunedì al Venerdì e in misura di circa l’1%. Se a prima vista sembra una approssimazione, in realtà riflette una azienda che realmente investe in trading.

Pro

  • Ha solo tre pacchetti, il primo con importo stabilito da 50 dollari, il secondo da 600 dollari, il terzo in base al progetto
  • Interessi per il pacchetto standard da 50 dollari, pari a circa 1% al giorno
  • Possibilità di depositare più pacchetti da 50 dollari
  • App Android e iPhone per gestire il proprio portarle
  • Richiedono i documenti per eseguire il prelievo, segno di attenzione alla normativa
  • Converte da dollari a btc ad ogni prelievo, quindi prestare attenzione al valore in euro;
  • Possibilità di eseguire un reinvestimento dei fondi, senza doverli prelevare e inviarli nuovamente;

Contro

  • Presente da 5 mesi circa su alcuni monitor, un buon tempo ma va prestata ancora attenzione;
  • Trattiene il 2% per ogni azione di prelievo eseguita, costo giustificabile, ma troppo elevato;

Interessi:

Circa 1% al giorno per 140 giorni
Per chi è alle prime armi, conviene prendere il pacchetto base da 50 dollari, semmai acquistandone più di uno

Monete o metodi guadagni

  • Bitcoin
  • Euro

Puoi registrati e acquistare il tuo primo pacchetto da Usi-tech qui.

Attenzione investire in una Hyips lo si fa a proprio rischio, utilizzare le criptomenete e sperimentare investimenti è complesso e lo si fa consapevoli dell’eventuale perdita.

Ricordo che una Hyips (High Yield Investment Programs), vuol dire programma di investimento ad alto rendimento e quindi ad alto rischio, è sempre bene tener presente il rischio di perdita del capitale investito.
Le Hyip utilizzano cryptomonete per attivarsi in programmi d’investimento, dalle obbligazioni, al FOREX, scambi valuta, ecc… offrendo rendimenti molto elevati, ma quindi anche molto rischiosi.

Le migliori Hyip dove investire bitcoin e criptomonete

HyipPercentuale minima giornoGiorni settimanaliRegistrazione accountVoto personale 0-10Note
Usi-Tech1%Lunedì - MartedìUsi-Tech7Stabile, consigliata per investimenti lunga durata
Bitpetite3,6% o 4,5%7 giorniBitpetite6Alti interessi, alto rischio
Investellect1%7 giorniInvestellect6Presente da anni, assistenza fornita, ma migliorabile, ottimi prodotti
Hour Pay 1,1%7 giorniIn attesa di analisi5Realtà giovane, strano sistema di investimento, non rispondono più alle mail di assistenza. Non consigliato per ora
BitConnect1% 7 giorniBitConnect7Un po' diverso come concetto Hyip, in realtà si acquista un vera moneta (il BitConnect) e la si presta ottenendo un rendimento. Al momento un ottima modalità di investimento.
Aggiornato al 13 Ottobre 2017

Attenzione: Le Hyips sono attività ad alto rischio di investimento, va versato solo quanto si è disposti a perdere.
L'elenco qui riportato non è un invito o consiglio all'investimento, ma una mia personale analisi.

Classe '75, si dedica alla sua passione di sempre, l’informatica. Inizia la sua attività nel 1998 gestendo un internet provider configurando router CISCO e Modem 33,6 Kbit/s. Dal 2001 si dedica alla realizzazione di servizi web,SOAP,WSDL, DTT (Digitale Terrestre), protocollo MHP per servizi interattivi del digitale terrestre. Dal 2006 cura e gestisce CMS ottimizzati per le attività SEO, si occupa di comunicazione web per aziende e campagne politiche. Dal 2008 al 2012 è Consigliere Nazionale di Assoprovider (www.assoprovider.net), carica ricoperta per 2 mandati consecutivi fino al Maggio 2012. Da Luglio 2011 affianca le attività di comunicazione, informatizzazione, razionalizzazione delle risorse economiche e contrasto all'evasione per il Comune di Napoli curando la delega all'informatizzazione.

Post precedente

Bitcoin (BTC e BCC), Hard Fork e Segwit2x

Post successivo

Le criptomonete, come il bitcoin sono legali in Italia?

Commenti al post

Scrivi qui un tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *