Pensieri

La cryptovaluta Ethereum

Ogni tanto mi ricordo quanto nel 2009 un collega mi parlò dei BITCOIN, e delle nuove monete digitali o anche dette cryptovalute. Per chi non vuole restare al buio ecco cos’è una moneta digitale – Bitcoin.

Il Bitcoin è stata la prima cryptovaluta ad essere introdotta nel mondo informatico.

Bitcoin
Bitcoin

Nata nel 2009, il suo valore economico era pari a pochissimi centesimi di euro, era “ancora” possibile “produrne” in grandi quantità. Chi ha creduto in questa moneta poteva accantonare in pochi giorni 10.000 o 100.000 Bitcoin. Sembrerà fantascienza, ma ad oggi quel numero di bitcoin ha un immenso valore economico.
Al cambio attuale un Bitcoin vale circa 400 euro. Chi aveva per “gioco” conservato 10.000 Bitcoin oggi ha in moneta contante ben 4.000.000 di euro.

Semmai poi scriverò un post sui nuovi ricchi, perché chi ha tali somme esiste ed è tra noi.

Oggi però volevo introdurre una mia analisi sulla nuova moneta definita Bitcoin 3.0. Si chiama Ethereum, anche lei si basa su un sistema decentralizzato per la creazione e il controllo di nuove monete. A differenza dei Bitcoin, l’Ethereum consente anche di gestire “contratti” (smart contracts) per la transazione di servizi e dati in sicurezza.

L’unità di misura della moneta si calcola in Ether quando ho scritto questo articolo nel marzo 2016, valeva circa 0,019 bitcoin, cioè 7,5 euro, a Giugno 2017 ne vale ben 300 di euro. E’ possibile scambiare cryptovalute in Ethereum sia eseguire complesse operazioni come elaborazioni sicure elettorali, mercati finanziari, crowdfunding, ecc..

Ethereum è nata nel 2013 ma inizia ad avere i primi riscontri solo dal 30 Luglio 2015, quando si è avuta una prima immissione di Ether nel mercato e la conseguente documentazione per la creazione di nuove monete.

Per comprendere il mercato ampio che Ethereum ha avuto fin dall’inizio, basta pensare che per il suo lancio fu eseguita un’offerta pubblica di pre-vendita durata soli 42 giorni, totalizzando 31.591 Bitcoin, al cambio attuale circa 12.500.000 Euro.

Ethereum
Ethereum

Sono ancora poche le possibilità di poter minare (che vuol dire produrre) Ether sulla rete. Semmai su questo argomento ci ritornerò con un post apposito.
Mentre sembrerà strano ma solo da poche settimane sono disponibili i primi “portafogli” per Ether che sto testando in queste settimane. I portafogli (wallet) consentono di aprire dei “conti” online per una precisa moneta e di poter ricevere o inviare somme di denaro tra più conti.
Nei prossimi giorni farò un report sui wallet che sto testando. Da poche settimane disponibile anche quello ufficiale che potete scaricare qui: Wallet Ethereum o sistemi online come myetherwallet.com o ethereumwallet.com.

A Giugno 2017 minare Ether è diventato poco conveniente se non impossibile, un po’ come i bitcoin.  Conviene investire a mio modo di vedere una piccola parte dei profitti eventualmente realizzati per accumulare un minimo di ether sperando che la sua crescita sia sempre più costante.

Ad ogni modo se vuoi minare Ether, BitCoin, LiteCoin, Monero, ti consiglio Genesis Mining società islandese presente da anni, quindi abbastanza sicura e molto seria, risponde subito ad ogni mail di assistenza tecnica. Se vuoi ottenere uno sconto del 3% utilizza il codice P3aNS7 come codice promozionale ad ogni acquisto.

Argomento molto complesso quello delle cryptovalute, ma divertente da seguire, voi cosa ne pensate?

Classe '75, si dedica alla sua passione di sempre, l’informatica. Inizia la sua attività nel 1998 gestendo un internet provider configurando router CISCO e Modem 33,6 Kbit/s. Dal 2001 si dedica alla realizzazione di servizi web,SOAP,WSDL, DTT (Digitale Terrestre), protocollo MHP per servizi interattivi del digitale terrestre. Dal 2006 cura e gestisce CMS ottimizzati per le attività SEO, si occupa di comunicazione web per aziende e campagne politiche. Dal 2008 al 2012 è Consigliere Nazionale di Assoprovider (www.assoprovider.net), carica ricoperta per 2 mandati consecutivi fino al Maggio 2012. Da Luglio 2011 affianca le attività di comunicazione, informatizzazione, razionalizzazione delle risorse economiche e contrasto all'evasione per il Comune di Napoli curando la delega all'informatizzazione.

Post precedente

Come rendere Android più veloce

Post successivo

Gestire più connessioni di rete contemporaneamente con Windows

Commenti al post

Scrivi qui un tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *