Problemi informatici: soluzioni

Provato il servizio hubiC, una alternativa a Dropbox e Google Drive

Sto provato il nuovo servizio hubiC nato da alcuni giorni come alternativa ai tanti servizi già disponibili di archiviazione remota o in cloud come piace dire ad alcuni tipo Dropbox o Google Drive. Ho testato il servizio ed ecco perchè è una novità sul mercato.

Chi c’e’ dietro hubiC

hubiC, nome di cui ignoro la provenienza è fornito e gestito da OVH “il” gestore per antonomasia di server per piccole, medie e grandi aziende con sede in Francia.
OVH è affidabilissima sia come azienda che come sostenibilità economica, ma affidabile anche dal punto di vista della infrastruttura tecnologica. Oltre ad OVH che gestisce il servizio l’intera infrastruttura tecnologica del servizio è fornita da Intel.

Cosa offre di diverso rispetto agli altri sevizi?

hubic-1Al momento soffre della mancanza di alcune piccole funzionalità ma considerando la giovane età del servizio sono sicuramente migliorabili. Ho elencato alcuni pro e contro del servizio che giorno di frequente appena viene rilasciata una nuova funzionalità:

Pro del servizio Hubic

  • Spazio disponibile al momento dell’iscrizione gratuita di 25 GB;
  • Possibilità di estendere lo spazio a 100 GB al costo di 10,00 euro/anno
  • Possibilità di estendere lo spazio a 10 TB al costo di 50,00 euro/anno
  • Ottima (per il momento) la capacità di banda del servizio, ho eseguito copie di file da circa 100 GB in pochi minuti, ovviamente tutto dipende dalla banda internet da cui si trasmette;
  • Novità assoluta, una comodissima funzione Backup con possibilità di “storificazione” che vi descriverò dopo.

Contro del servizio Hubic

  • Servizio ancora troppo giovane consiglio di non salvare tutti i file in unica copia su hubiC;
  • Il software per Windows, Mac e la relativa APP non è ancora multilingua, in molte parti è ancora in inglese e in altre è tradotto ancora male. Questo allontana un po’ il pubblico domestico;
  • Non sono ancora presenti i menù “condividi”, “permessi” ecc.. presenti invece molto bene in DropBox per la gestione di più utenti relazionata alle cartelle e file.

Funzionalità di Backup

Una delle caratteristiche più interessanti e innovativa è sicuramente l’ottima funzionalità di Backup ad oggi presente come offerta con costosissimi servizi disponibili online. Ad esempio con soli 50 euro all’anno è possibile avere fino a 10TB di spazio.  Una disponibilità enorme di spazio non presente oggi sul mercato nemmeno lontanamente con questi costi. Tutto ciò è possibile perchè l’infrastruttura di OVH è abbastanza corposa.
La funzione Backup consente di poter spostare qualunque tipo di cartella o file sullo spazio esterno di hubiC potendolo poi eliminare dal nostro PC o dai server. Per eseguire una copia di backup del file è sufficiente cliccare con il tasto dentro sul file, poi selezionare hubiC e poi Backup. Interessante la funzione di archiviazione delle modifiche relative al file che consente di mantenere le modifiche del file eseguite nei vari backup. E’ quindi possibile ad esempio recuperare un file aggiornato a un mese prima o le modifiche eseguite a quel file due settimane prima. Una funzione molto interessante al momento non disponibile online con altri concorrenti.

L’App disponibile per Android e iPhone

Al momento la loro APP è disponibile per Andorid e iPhone, probabile che tra poco sarà resa disponibile anche per i sistemi mobili Windows. Anche se necessita di molti accorgimenti tecnici ha già una buona dotazione minima di funzionalità, consente almeno l’archiviazione dei file automatica direttamente dallo smartphone e la possibilità “ovvia” di poter salvare e riprendere i file dal proprio archivio remoto.

Lo spazio disponibile con hubiC

hubiC - Spazio in cloud
hubiC – Spazio in cloud

hubiC fornisce ben 25 GB di spazio a tutti gli utenti con la semplice registrazione al servizio. Uno spazio non fornito da altri operatori se si esclude Google Drive. Un tempo anche Copy forniva i 25GB di spazio gratuito ma dal mese di Maggio 2016 ha chiuso i battenti, forse non poteva permettersi costi così elevati. Per incrementare lo spazio disponibile è possibile farlo in due modi:

  1. Fidelizzare altri “amici”, invitandoli ad iscriversi al servizio. Ad esempio se qualcuno leggendo questo articolo vuole registrarsi al servizio può usare il mio codice WCBDRB riceverà 30 GB aggiuntivi, mentre chi è già iscritto e “convince” altri 5 amici ad iscriversi al servizio può ottenere fino a 2,5 TB di spazio. Ecco il mio esempio avendo acquistato uno spazio di 10TB.
hubiC - Spazio in cloud
hubiC – Spazio in cloud
  • In alternativa alla fidelizzazione, è possibile acquistare spazio secondo lo schema in basso spazio sul proprio account. I costi sono davvero molto bassi e l’attivazione è immediato appena dopo il pagamento.

 

hubiC costo spazio
hubiC costo spazio

 

Conclusioni su hubiC

Sono alcune settimane che uso hubiC come principale sistemo di archiviazione remota, al momento ho copiato alcune cartelle di lavoro importanti da DropBox e ci sto lavorando. Non riscontro grandi problemi, salvo la mancanza della voce hubiC in alcuni menù sul mio Android quando devo condividere file. E voi cosa ne pensate?

Classe '75, si dedica alla sua passione di sempre, l’informatica. Inizia la sua attività nel 1998 gestendo un internet provider configurando router CISCO e Modem 33,6 Kbit/s. Dal 2001 si dedica alla realizzazione di servizi web,SOAP,WSDL, DTT (Digitale Terrestre), protocollo MHP per servizi interattivi del digitale terrestre. Dal 2006 cura e gestisce CMS ottimizzati per le attività SEO, si occupa di comunicazione web per aziende e campagne politiche. Dal 2008 al 2012 è Consigliere Nazionale di Assoprovider (www.assoprovider.net), carica ricoperta per 2 mandati consecutivi fino al Maggio 2012. Da Luglio 2011 affianca le attività di comunicazione, informatizzazione, razionalizzazione delle risorse economiche e contrasto all'evasione per il Comune di Napoli curando la delega all'informatizzazione.

Post precedente

Dirette web da pc con Facebook

Post successivo

Addio al contrassegno assicurativo, ecco come controllare la copertura online

Commenti al post

Scrivi qui un tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *