#Aggiornamento: L’età anagrafica a #Napoli non è fine a se stessa, ma è sempre correlata ad un presunto grado di parentela o grado d’istruzione, ad

[ad_1]

#Aggiornamento: L’età anagrafica a #Napoli non è fine a se stessa, ma è sempre correlata ad un presunto grado di parentela o grado d’istruzione, ad esempio:

Guagliò (Ragazzo): dai 18 ai 24 anni
Fraté (Fratello): dai 25 ai 29 anni
‘O ggio’ (Giovane): dai 30 ai 34 anni
‘O bbiond‘ (Biondo): dai 35 ai 40 anni
Dottò (Dottore): dai 41 ai 45 anni
‘O zio (Zio): dai 46 ai 50 anni
Capo (Superiore): dai 51 ai 55 anni
Maestro (Esimio): dai 56 ai 65 anni
O’ Noo (Nonno): dai 66 in poi

Io ormai sono riconosciuto “anzitempo” come O’ Zi. E tu in che grado di parentela sei?

[ad_2]

Source

Felice Balsamo

Classe '75, si dedica alla sua passione di sempre, l’informatica. Inizia la sua attività nel 1998 gestendo un internet provider configurando router CISCO e Modem 33,6 Kbit/s. Dal 2001 si dedica alla realizzazione di servizi web,SOAP,WSDL, DTT (Digitale Terrestre), protocollo MHP per servizi interattivi del digitale terrestre. Dal 2006 cura e gestisce CMS ottimizzati per le attività SEO, si occupa di comunicazione web per aziende e campagne politiche. Dal 2008 al 2012 è Consigliere Nazionale di Assoprovider (www.assoprovider.net), carica ricoperta per 2 mandati consecutivi fino al Maggio 2012. Da Luglio 2011 affianca le attività di comunicazione, informatizzazione, razionalizzazione delle risorse economiche e contrasto all'evasione per il Comune di Napoli curando la delega all'informatizzazione. Seguimi sul mio profilo Facebook: https://www.facebook.com/balsamofelice

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.