Realizzare un sito webSEO (posizionare i siti web)

I limiti degli attuali siti web statici

Print Friendly, PDF & Email

Un tempo esistevano i siti web statici o siti vetrina. Da anni ormai non ha più alcun senso avere un sito web fermo, non dinamico, sia perchè non riceverebbe mai visite utili per catturare nuovi clienti, sia perché diventa controproducente. Ecco i limiti che hanno i siti web statici che troppo spesso ancora incontro sul web.

  1. I siti web statici, tipicamente definiti siti “€œvetrina”€ vi è una reale impossibilità nel modificare le pagine web del proprio sito in tempo reale, senza avere conoscenze informatiche adeguate;
  2. Per modificare anche una sola pagina web, sono necessari almeno due software specifici e la loro conoscenza. In particolare un programma di ritocco fotografico e uno di costruzione pagine web e la necessità di ingaggiare un webmaster disponibile ad aggiornare o creare pagine e aggiungere file sul sito;
  3. Generalmente si affida ad una società  esterna o ad una risorsa umana interna la gestione “œspecialistica”€ del sito web, con alti costi e bassa immediatezza di risultati;
  4. Le modifiche dei siti web statici sono ripetitive e oneroso, anche per aggiornare un semplice numero telefonico errato diventa un’impresa;
  5. Impossibilità poter creare un feedback con i visitatori o interagire con loro, ciò riduce a zero il valore aggiunto del sito web e le possibilità di ottimizzare la comunicazione b2b verso clienti o fornitori;
  6. Gestione onerosa delle immagini, da lavorare singolarmente;
  7. Impossibilità  di creare un sistema di ricerca all’™interno del sito;
  8. Impossibilità  di automatizzare le funzioni di aggiornamento delle pagine;
  9. Scarsa efficacia comunicativa, bassa efficienza economica, ritorno sull’™investimento: prossimo allo zero;

Nel 2014 le uniche pagine “statistiche” che hanno successo sono le landing page, che servono come appoggio per campagne pubblicitarie sul web.

Classe '75, si dedica alla sua passione di sempre, l’informatica. Inizia la sua attività nel 1998 gestendo un internet provider configurando router CISCO e Modem 33,6 Kbit/s. Dal 2001 si dedica alla realizzazione di servizi web,SOAP,WSDL, DTT (Digitale Terrestre), protocollo MHP per servizi interattivi del digitale terrestre. Dal 2006 cura e gestisce CMS ottimizzati per le attività SEO, si occupa di comunicazione web per aziende e campagne politiche. Dal 2008 al 2012 è Consigliere Nazionale di Assoprovider (www.assoprovider.net), carica ricoperta per 2 mandati consecutivi fino al Maggio 2012. Da Luglio 2011 affianca le attività di comunicazione, informatizzazione, razionalizzazione delle risorse economiche e contrasto all'evasione per il Comune di Napoli curando la delega all'informatizzazione.

Post precedente

WebMail

Post successivo

Vgx.dll: Rischio sicurezza IE e OFFICE

Commenti al post

Scrivi qui un tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *