Felice Balsamo

Un po' tecnologia, viaggi e la buona cucina

Bug Google

In questa sessione ho voluto censire anche i bug Google, analizzati dal 2007 al 2014.

I prodotti Google si diffondono sempre di più e si installano ormai su tutti i dispositivi, come la Google Bar o Google Desktop. Nel 2007 quando ho scritto questo post non esistevano ancora i dispositivi Android, parte che ho dovuto aggiornare nel 2014.

Ancora oggi una analisi sui trojan, ha constato che i sistemi di controllo a distanza dei PC infetti, diventano sempre più efficaci, alcuni trojan inviano dati precisi, come l’indirizzo IP e altre informazioni inserite in modo ricorrente del PC infettato, come per esempio l’indirizzo di residenza, quando si acquista con carta di credito.

Queste informazioni consentono tramite le Google Maps, di individuare con estrema precisione dove si trova l’utilizzatore.

Questo nuovo passo avanti nella violazione della privacy diventa un punto cardine nella lotta alla sicurezza dei sistemi informatici. Certo non è ascrivibile ai servizi Google, ma andrebbero attentamente studiati.

Facendo un confronto con Internet Explorer e FireFox, dal 2007 ad oggi ecco la variazione:

Anno 2007:

  • Internet Explorer utilizzato dal 75% dei navigatori web
  • FireFox, dopo un boom iniziale soprattutto mediatico, si è attestato ad un 15%, 
  • Safari al 1%
  • Mozilla al 0,2%
  • Opera allo 0,1%
  • Netscape, Konqueror, Camino e altri sono rarissimi.

Anno 2014:

  • Google Chrome: 60%
  • Internet Explorer utilizzato dal 15% dei navigatori web
  • FireFox, si è attestato ad un 10%, 
  • Safari al 5%
  • Altri ormai poco utilizzati 

Motivo della diffusione per Internet Explorer è dovuta principalmente alla sua disponibilità nativa in Windows, il sistema operativo utilizzato dalla maggior parte dei navigatori NON tecnici, contro 1,5% dei sistemi Macintosh, 0,4 dei sistemi Linux, 0,9 BSD e praticamente rari sistemi Sun Solaris.

Nel 2007 tra le varie analisi dei LOG, ritrovo spesso un riferimento ad un vecchio ma sempre valido “Browser”, il COMMODORE 64, oggi praticamente scomparso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.