E’ più importante la qualità o la quantità dei follower?

La qualità della platea dei nostri followers è il parametro più importante da raggiungere

Si corre dietro al numero dei follower, il parametro più seguito dai professionisti del web o semplici utenti, questo perché si ha l’errata idea che due profili perfettamente simili come target, possano essere confrontati solo con i rispettivi numeri di follower.

Chi ha più follower, nell’immaginario comune, ha più visibilità rispetto ad un altro che ne vanta la metà, ma non è affatto così.

Un alto numero di follower, creati in modo fittizio, con trucchi e stratagemmi, come ad esempio il follower e defollower, sono inutili e compromettono la crescita e diffusione dei post alterando l’algoritmo dei social network.

Avere più follower su Facebook e Instagram

La corsa ad avere sempre più follower su Facebook o Instagram, mette in secondo piano la costruzione nel tempo di una platea personalizzata e di qualità.
Ecco alcune situazioni reali con cui mi sono più volto confrontato:

Profilo 1: Pagina Facebook negozio di articoli per la casa, con 20.000 follower

Profilo 2: Pagina Instagram personaggio politico o professionista, con 100.000 follower

Il profilo 1 sembra avere una buona platea, ma i post pubblicati sono poco commentati, hanno rari Mi Piace e zero condivisioni.

Il profilo 2, lamenta una scarsa interazione degli utenti e una fuga improvvisa dal profilo.

Analizzando i i dati statistici scopri che il raggiungimento dei 20.000 follower del profilo 1 è dovuto alla pubblicazione di post NON attinenti all’attività lavorativa dell’azienda, ad esempio post di giochi online, turismo con posti incantevoli, ma nulla che riguardasse le attività reali dell’azienda. Trucchi per catturare Mi Piace, ma che rendono “inutile” quella pagina, che se pur con 20.000 follower, realmente “coinvolti” ne ha una decina, quindi equiparabile ad una analoga pagina aventi 30/40 follower.

Nel caso del profilo 2, l’errore è ancora più evidente, nel tempo si è perseguito l’obiettivo del solo numero di follower, pubblicando false promesse politiche o trattando argomenti del tutto populisti. Se è vero che questo ha dato una iniziale parvenza di apprezzamento, in realtà quel pubblico era lì per errore, il risultato evidente è il basso numero di visualizzazioni dei post e il costante abbandono da quel profilo.

In conclusione, la tipologia e la tempistica dei post pubblicati è la soluzione, tutto il resto è solo un dispendio di costi e tempo.

Felice Balsamo

Classe '75, si dedica alla sua passione di sempre, l’informatica. Inizia la sua attività nel 1998 gestendo un internet provider configurando router CISCO e Modem 33,6 Kbit/s. Dal 2001 si dedica alla realizzazione di servizi web,SOAP,WSDL, DTT (Digitale Terrestre), protocollo MHP per servizi interattivi del digitale terrestre. Dal 2006 cura e gestisce CMS ottimizzati per le attività SEO, si occupa di comunicazione web per aziende e campagne politiche. Dal 2008 al 2012 è Consigliere Nazionale di Assoprovider (www.assoprovider.net), carica ricoperta per 2 mandati consecutivi fino al Maggio 2012. Da Luglio 2011 affianca le attività di comunicazione, informatizzazione, razionalizzazione delle risorse economiche e contrasto all'evasione per il Comune di Napoli curando la delega all'informatizzazione. Seguimi sul mio profilo Facebook: https://www.facebook.com/balsamofelice

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.